lunedì 6 dicembre 2010

Io in:"Babbo Natale equo e solidale..."


Nel bel mezzo del traffico romano,in un giorno infrasettimanale di follia automobilistica,Giaco seduto sull'alza-bimbo,più scrocchiazeppi che mai,guarda fuori dal finestrino le prime lucine natalizie e mi chiede:
"Mamma,ma Babbo Natale porta i regali anche a quei bambini che mi dici sempre tu che muiono di fame,sono soli ed a volte lavorano con la schiena a pezzi già alla mia età?"
"....gnap,snork,bho,emmm,accc,mannaggia questo cambio ha bisogno di una revisione...."
"Eh mamma,Babbo Natale porta i regali in tutto il mondo,anche ai bimbi che hanno tanto bisogno?"
"E' una storia un pò complessa,da grande magari capirai meglio,è difficile per Babbo raggiungere terre molto lontane e...visto quanto traffico oggi?"
"No,perchè io pensavo che se Babbo Natale và da quei bimbi soli e senza cibo può portargli,oltre ai regali, tante cose buone da mangiare così non muoiono più di fame e sono felici come noi".
Nel silenzio improvviso dell'abitacolo moquettato,molto più in difficoltà rispetto alla storia del pisello piccolo,medio e grande,ho di nuovo scelto per un sereno annegamento dell'argomento,e dentro di me,ho sognato mio figlio come futuro presidente delle politiche sociali internazionali.

5 commenti:

Silvia ha detto...

che Dio stra-benedica Giaco...
Silvia

Sabrina ha detto...

Giacomo for president, meglio di Obama!

Anonimo ha detto...

le politiche sociali dovrebbero essere in mano ai nostri bimbi......che forza Giacomino!!!!!
bacialo da parte mia Lu

Anonimo ha detto...

le politiche sociali dovrebbero essere in mano ai nostri bimbi......che forza Giacomino!!!!!
bacialo da parte mia Lu

Io ha detto...

Che Dio benedica i nostri bambini sempre,specie in questo momento nel quale,madri o non,siamo tutti attanagliati da questo senso di violenza,angoscia e scarsa fiducia,che incupisce ogni nostra scelta.
Baci a voi lettori,che ogni volta che mi scrivete,mi sembra una roba fantastica!

Fairytale Wedding Planner's Fan Box