domenica 20 settembre 2009

La Mora in:"A.A.A Casa cercasi..."


Non ne posso più.
Se c'è la cucina,il salone è microscopico,se c'è la camera da letto regolare per noi, c'è un bugigattolo per i bimbi,se c'è il bagno,non ha la vasca,se costa poco è al terzo piano senza ascensore,se dentro è decente,fuori è orrenda e scorticata,se ci consente una rata senza spingerci al suicidio,è un seminterrato,se c'è l'ascensore costa cinquanta mila euro in più,se è una nuova costruzione ha le camere mansardate,se c'è scritto buono stato ci sono i topi e le zecche,se ha un prezzo abbordabile ha la vista sulla Togliatti e ti scaricano sui panni benzopirene allo stato puro,se è al primo piano non ha le grate,se costa un pò meno è rogitabile fra tre anni,se è un pò più verso il centro è una nuda proprietà e la vecchia si sente benissimo,se si trova a borghesiana finocchio c'è un traffico da paralisi del nervo ischiatico,se ha la giusta metratura è completamente da ristrutturare,se è a Lunghezza puoi anche dimenticarti di rincasare per cena,se è carina dentro e fuori non si trova parcheggio,se è parecchio fuori Roma il risparmio sull'acquisto,lo superi con le spese di benzina e treno ed i figli ti parlano burino e tifano per la Ternana,se c'è il box-macchina ha l'angolo cottura,se ti concedono il mutuo,ti succhiano il tfr,poi vogliono un garante giovane,si però con la busta paga pulita,se guadagni duemila euro in due ti fanno una rata da mille euro al mese per 35 anni e tuo marito ne avrà 86 quando avrete finito di pagarla e pensa che bella festa di inaugurazione della prima casa di proprietà,svolta in ospizio che se mangi le patatine ci si incricca la dentiera.
Se è a forma di villetta ha il cucinotto non abitabile e la digestione degli abitanti impedita dall'accumulo di mobili,se ha due camere da letto non ha la cantina nè il posto auto nè un ripostiglio, e le biciclette le devi parcheggiare nel saloncino(gli ingressi non li fanno più.)se il soffitto è basso non c'entrano gli armadi,se chiedi i soldi per ristrutturarla te li danno con un tasso d'interesse da strozzinaggio puro,se ha la porta blindata gli impianti sono dell'anteguerra.
Appena ti giri ti aumenta lo spread e quella fastidiosa sensazione che tutti stiano cercando di piantartelo nell'...angolo cottura.
Aiuto.

Mutui pe' tutti

martedì 15 settembre 2009

La bionda in "Vogue"


Che non stia passando un periodo gioioso penso si sia compreso,che Settembre sia da sempre mese degli incastri,orari,impegni,abitudini,è noto..che per me sia il mese dei remi a velocità sostenutissima è troppo.
Passo momenti con gli occhi fuori dalle orbite a chiedermi in piena crisi esistenziale il perchè e il percome di tutto,ce la farò-non ce la farò,ma forse io..,ma se invece succede che..ma sicuramente sarà uno sfacelo..e se quelle occhiaie fossero..ma sto mal di testa ecco..e altre simpatiche e gloriose "PARANOIE".
Sono tornati a far visita i simpaticissimi momenti di ansia profonda,insomma..sto una crema!
Nel contempo,qui ferve tutto un mondo,i bambini hanno iniziato la scuola.
Quest'anno siori e siori abbiamo una bella quinta e una freschissima prima!
Non vi dico non vi,l'emozione (mia),la notte insonne (mia),le lacrimone all'entrata (sempre mie),ripetute per tutte e due i ragazzi.
Padre uno,genitore insieme a me di figlio maschio,vedendomi un pò sgocciolante agli occhi mi ha detto molto dolcemente "ma chettepiagni",mentre Doc,impagabile come sempre ma sto periodo di più molto di più,mi ha accompagnato per il momento di figlia piccola femmina al suo ingresso alle elementari e mi ha trascinato fuori la classe,dopo la minaccia delle maestre insensibili al momento topico dello stacco del cordone,tenendomi il braccio come fossi una vedova a New Orleans che cammina dietro la banda che suona un gospel.

Oggi,suonino le trombe,fra l'ansia,il grasso superfluo,le unghie mangiate e l'evidente bisogno di un parrucchiere,ho avuto l'incontro con i guru della stampa wedding.
La preziosissima signorina commerciale VOGUE ed io,ci siamo intrattenute in un caffè,sorseggiando un the verde (io) tentando di nascondere il pollice della mano destra visibilmente incerottato dietro la tazza,e abbiamo parlato di strategie di marketing,banner "popappati" e altre amenità.
Risultato? Una buonissima offerta,che in quel momento mi sentivo fra le mani,tutta figa nella mia weddingplannerità e svoltato l'angolo,con la scarpa mezza rotta e la cartellina fra le mani sapevo che non avrei probabilmente potuto fare.
Ma in tutto questo ho capito una cosa:Noi poracci,dobbiamo credere nei miracoli.Una schedina,una lotteria a sorpresa,un parente sconosciuto in Texas,in qualsiasi cosa,purchè si riesca almeno a sognare di riuscire,di farcela.

Il tempo uggioso non è che aiuti sta mia esplosione di gioia ottimista,ma so che bene o male ce la posso fare,ad uscire da questo periodaccio,acciaccatella ma ce la farò.

EEEnnd lediiiis end gentelmennnn menzione d'onore va a..Doc,e la sua infinita pazienza nel consolarmi,incoraggiarmi,alleggerirmi,coccolarmi,sostenermi,farmi ridere.Impareggiabile,e tanto tanto buono.
End fainalli tenks tu mai femili,per la serenità,nonostante siamo una combriccola di pazzi furiosi alle prese con turbe,guai,problemi e discorsi iniziati con lo stesso numero dei commensali a tavola,tutti contemporaneamente ci tengo a dirlo..
..Insomma,gente,quando stiamo insieme,a parte che sto periodo sono misogina e androgina e asociale tranne con voi,io..per assurdo,mi sento meglio.
Fra uno strillo di Giacomo il secco-matto,le chiacchiere di Camilla la bella-scema sparate in continuazione,i pianti di Filippo il grasso-morbido,le lagne di Josif il giovane-saggio,l'esaurimento di mamma (giustificatissimo),i discorsi monotematici di papà su Zara,i tuoi disturbi variegati e sconosciuti,l'insofferenza di Marco,le regole di Doc e le mie paturnie cicliche e metereopatiche..direi che ce la caviamo bene....no?

Parenti matti pè tutti!

giovedì 10 settembre 2009

La Mora in:"Cronaca di una serata romantica e d'altre avventure"


Ore 19.45 Il sole sprofonda con lentezza,dietro alle colline qui intorno e lascia presagire l'autunno odoroso.

Noi quattro mangiamo in giardino con le candele accese,Marco dice:"stasera i minori di 18 anni andranno a letto entro le otto e mezza"

Io rispondo:"consideralo già avvenuto mister Montanucci"


ore 20.19 Io e Giac ci laviamo i denti,Marco mette il pigiamino a Fil e già intona una delicata ninna nanna


ore 20.23Giac scivola nel suo lettino corredato di pigiama e chiede il racconto innocente di una storia,acconsento tranquilla,Marco ninna Fili nel letto da campeggio,scorgo il suo viso sereno nella penombra del proiettore di stelle


ore 21.02 Giac chiede un'altra storia,Fil inizia a piangere sempre più forte,io riprendo a raccontare abbreviando numerosi nessi narrativi,Marco inizia a ninnare con maggior foga,intravedo nella suddetta penombra il leggero spasmo muscolare dell'articolazione temporo mandibolare che ora gli rovina l'espressione paciosa


ore 21.26 Giac sembra addormentato mentre Marco ha dovuto trasferire il piccolo nel passeggino per scuoterlo con maggiore dovizia


ore21.29 Faccio per allontanarmi dal lettino del primogenito e lo sento mormorare con voce assonnata:"mamma devo fare la cacca"


ore 21.30 Io riesco solo a rispondergli:"dimmi che non è vero,dimmi che è uno scherzo"


ore 21.45Sono seduta di fronte a Giac che fa la cacca,gli leggo cappuccetto rosso in rima e penso che il suo intestino non scherza mai,di lontano le grida del piccolo grasso Fil


ore 22.03Giac si è liberato del suo fardello di scorie,io ho appena finito di lavarlo e rivestirlo,Marco è passato al piano B e spalma generose quantità di anestetico allopatico sulle gengive dell'infante,fregandosene dei miei precetti omeopatici e cercando di condurre il lattante al sonno profondo e d indisturbato


ore 22.16 Giac ora chiede una ninna nanna,ma non questa,quella delle stelle,ma non questa,quella delle mucche,ma non questa quella dei cuccioli,ma non ti ricordi più mamma?io penso che dovrei alzarmi,farmi una bella doccia,depilarmi un pò,profumarmi leggermente


ore 22.23Non ho più voce,Marco entra in camera con Filippo che si ciuccia chiassosamente,metà della mano paffuta,mi chiede di fare cambio-figliolo,io acconsento.

Giac piagnucola un pò e Fil mi si avventa su una tetta


ore 22.39Allatto ancora Fil in salone,sono già al secondo seno e per fortuna li ho finiti...per fortuna?forse me ne servirebbe un terzo...

Mi giunge di lontano la voce di Marco che racconta di storie di cappa e spada all'insaziabile Giac il guercio


ore 22.56 Adagio Fil nel lettino,appena lo copro con il lenzuolino,riprende a muoversi sempre più rapidamente,nella penombra sembra sveglio di nuovo,Marco mi fa segno con il pollice verso per dire che Giac ancora resiste e non molla.


ore 23.02 Ninno Filippo con ritmo sempre più acceso e frenetico,la depilazione viene mentalmente rimandata ad un altro giorno,mi restano doccia e profumo,Giac finalmente dorme,Marco si alza molto provato


ore 23.12Filippo è fermo a pancia in giù,rallento la ninnata fino a farla diventare impercettibile,giro piano i talloni e vado in bagno,mi infilo sotto alla doccia,carica di buone intenzioni romantiche


ore23.16sotto allo scroscio tiepido percepisco il pianto di Fil e subito dopo Marco che grida,"non ti preoccupare vado io, tu continua tranquilla"


ore 23.26sono nuda e profumo ma sto di nuovo ninnando Fil perchè Giacomo si è svegliato a causa del suo pianto e Marco ha ripreso ad addormentarlo parlando piano


ore 23.31Filippo ormai urla con vigore,Marco pertanto lo solleva dal lettino e lo porta in salone a vedere una puntata di X MAN con lui,io porto un bicchire d'acqua fresca-frescona che Giac mi ha chiesto implorando


ore 23.46sempre nuda, addormentato Giac minacciandolo in svariati modi,poi sottraggo il piccolo neonato dalla visione di siffatta violenza e gli porgo di nuovo latte mammifero,lo accetta di buon grado


ore 23.59Rimbocco il lenzuolino al piccolo,bacio il grande sulla fronte sudata piena di sogni e corro in punta di piedi in salone per raggiungere Marco...


ore 24.01Marco russa profondamente con un braccio crollato fuori dal divano,con addosso un bellissimo slip di cotone doppio,il telecomando sopra all'ombelico,e sullo sfondo le immagini di Xman che schizza sangue verde dalle vene


ore 24.06Spengo la tv,libero la pancia di Marco dai grovigli del telecomando,gli raccolgo un braccio dall'aire e mi incammino verso il computer per scrivere questo post,ma inciampo nel lettone e allora, odorosa e sola,svengo bocconi fino alle quattro della notte,orario in cui Fil inizia a piangere di nuovo...


Bambini pe' tutti







Fairytale Wedding Planner's Fan Box