sabato 24 febbraio 2018

Le mie scarpe



Ho un armadio pieno di cose, mi piacciono i vestiti, ho jeans, maglioni sdruciti, tute slabbrate, camicette bon ton, pantaloni a palazzo, gonne a condominio, cappottini presi alle svendite di fine stagione, abitini floreali, outfit total black, camicie stile boscaiolo, detesto qualsiasi cosa sia animalier, i maculati tutti, le esagerazioni nelle varie direzioni, non mi piacciono le borchie, le cose di marca, ho tanti abiti da cocktail e nessun cocktail, tanti vestiti adatti ad una cerimonia ma nessuna cerimonia, qualche minigonna coraggiosa, rari pantaloni larghissimi per i periodi di bassa autostima o di lucidità estrema, la vita è sempre una questione di punti di vista.
Nel mio armadio ci sono cassetti che straripano calze e collant di varie fogge e colori, le amo, amo persino l'odore che hanno appena scartate, ne amo addirittura il profumo che si sente nelle mercerie destinate alla vendita di tali articoli.
Ho però un forte debole, ed il mio vero debole sono le scarpe.
Ne comprerei un paio a settimana.
Non mi stancherei mai di comprare scarpe, acquistare scarpe mi fa bene, mi cura, mi consola, mi diverte.
C'è solo un problema che va addirittura oltre la mancanza di soldi per comprarne tante ed esattamente come le vorrei, un problema che mi affligge da sempre e mi impedisce di avere le scarpe che immagino nei miei desideri più infantili e sfrenati, il problema è il seguente:
O compro scarpe comode che, mi dico, userò tutti i giorni a lavoro,per passeggiare, per vivere quotidianamente, ma che mi fanno orrore.
O compro scarpe bellissime, alte, particolari, molto femminili, ma scomode come un collanti indossato storto, dolorose come un mignolo del piede picchiato sullo stipite della porta nel buio, insopportabili come un'unghiata dritta sul cristallino.
Il risultato è sempre lo stesso...non metto nessuna delle due, e continuo ad accumulare scarpe nuove di zecca, brutte e belle ma intonse.

Credo di aver bisogno di aiuto e di un paio di scarpe nuove.


sabato 17 febbraio 2018

Resterei



La mattina resterei a casa.
Attenderei il sole guardando dalla finestra, osserverei i segni del freddo sugli alberi di fronte, mi siederei sul letto davanti ai vetri leggeri della mia camera.
Sorseggerei il mio caffè, che non bevo mai tutto in un sorso, ci impiego un sacco di tempo, ci impiegherei ancora più tempo.
Non farei altro che aspettare, aspetterei.
Aspetterei che il condominio si svuotasse, si azzittisse, mi sdraierei nel letto, sotto alle coperte che sarebbero ancora tiepide della notte, metterei la mia musica, aprirei il libro nel quale ho lasciato un angolo piegato, ricomincerei a leggere senza fretta, ogni tanto guarderei il cielo alla mia destra, mi stiracchierei.
Semplicemente ascolterei i suoni lontani della strada piena di gente che corre e si affanna, per godere solo del fatto che per un giorno non ne farei parte.
Resterei nel letto senza vestiti, per sentire la freschezza delle lenzuola sulla pelle nuda ed il peso delle coperte invernali sulle spalle stanche.
Mi addormenterei di quel sonno pieno di sole sul viso, senza averne fastidio, ma solo una carezza dolcissima.
Aspetterei per mattine e mattine, attenderei che arrivasse la primavera, che finisse il freddo, mi alzerei solo una volta che fossi sicura dell'arrivo della nuova stagione, una volta visti i mandorli ed i peschi in fiore, solo dopo aver sentito gli uccellini cinguettare, aver fissato la luce nuova che la primavera porta con se.
Solo allora scosterei le coperte, infilerei un vestito nuovo e leggero, delle scarpe con il tacco, mi truccherei perchè tu mi trovassi bella,e correrei fuori, per raggiungere ancora una volta, la nostra meraviglia ed il tuo braccio.

sabato 10 febbraio 2018

A Febbraio



A Febbraio la morsa dell'inverno si fa a tratti più forte, rabbiosa, più impietosa, sembra non voler mollare.
A Febbraio capitano giorni tanto dolci da lasciar filtrare luce e calore di primavera, profumo di fiori, migrazioni nere ed ipnotiche di uccelli piccoli e veloci, cieli azzurri puliti da attraversare slacciando le giacche, scoprendo le gole.
A Febbraio sai darmi baci di uomo affamato, di amante arso dal desiderio, di padre protettivo ed attento, di ragazzino innamorato, di compagno di risate e confidenze, a Febbraio sai baciarmi tutta senza lasciare alcuna parte di me, senza farmi dimenticare nulla di ciò che sono.
A Febbraio i miei capelli si allungano dal tuo ombelico al tuo collo, l'aria è fredda ma non stando attaccati, stando attaccati non fa più freddo.
Uno addosso all'altro come fossimo precipitati dall'alto.
Un centimetro di aria calda, ha di te ogni microscopica parte.
A Febbraio, respirarla piano quell'aria, mi permette di stare ferma ad aspettare la primavera.
Addormentami e baciami la testa e parlami nelle orecchie, in fondo a me, dimmi dove andremo che tanto magari non andremo, ma è meno importante, tu dimmelo.
Tienimi le gambe e portami altro pane, fammi bere e bagnami ancora.
A Febbraio, al risveglio, ti vorrei con me.
A Febbraio, di notte, mi volterei per indovinarti nel buio.
Sei sempre tu, posso sognare ancora entrando ed uscendo dal sonno fino a che non arriva la mattina.
A Febbraio è solo attesa.
Poi tutto scalda.

Fairytale Wedding Planner's Fan Box