mercoledì 18 febbraio 2009

La Mora in:"Perché Sanremo è Sanremo"




Già,la location è proprio questa,impossibile fingerne una diversa:interno,notte,divano, copertina di pile rischio infiammabilità 100 per cento,termosifoni a tutta birra,tranci di torte al cioccolato che sforno ed ingoio a rotta di collo(inutile tentare di colmare il vuoto interno,colmo solo quello interstiziale fra la cute ed il pannicolo adiposo)televisione accesa sintonizzata sul 54esimo Festival della canzone italiana.


Giaco crolla intorno alle otto e mezza ogni sera ormai,Marco non pervenuto da giorni,io sola come un cane solo,(perchè molti cani invece godono di grande e divertente compagnia),ascolto e guardo con questi occhietti furbi le canzoni ed il contorno floreale,occhi vispi che neanche tutti gli ormoni del mondo riescono ad affievolire.


Lontano,in fondo alle pupille,conservo ancora quella sana scintilla che prima o poi mi farà di nuovo vedere un pò di luce brillante in fondo al viale della vita eeeeehhh...


Vogliamo parlare di Povia?di Luca che era gay ma ora ce l'ha fatta,ora che è uscito dal tunnel,è diventato padre,e finalmente sta con lei,una cacacazzi che controlla dove fa la pipì e gli nasconde i calzini.


Quante stronzate da dire tutte dentro una canzone,non è mica facile da fare,un concentrato di minchiate immense:mio padre beveva,mia madre ossessiva,una separazione che non si accetta a 14 anni e poi la perdizione con un uomo grande fino alla redenzione finale,con la Donna,con la quale tornare dritti e giusti,ritrovare l'ordine delle cose.


Non se ne può più di parlare di questi argomenti con questa retorica tanto imbarazzante da far drizzare i peli sulle braccia,fra Povia e quel mignottone pittato della donna di Gigi D'Alessio,non saprei chi scegliere,so solo che,se alle medie,qualcuno di noi si fosse permesso di scrivere un testo tanto ridicolo e pretestuoso,lo avrebbero linciato con giusta causa.


E poi Al bano,davvero improponibile,tra l'altro fatica anche a portare il microfono alla bocca a causa dei chili in eccesso,con quei completi lucidi e scuri,quell'acuto odioso a mo'di trombetta attira papere.


Come non accennare a Marco Masini poi,con quella vociaccia da gatto al quale stanno strappando i testicoli a morsi e questi testi così vibranti,così emotivi,adesso ci ha messo dentro parole come paese di merda e rotto i coglioni,che insieme a bella stronza ed a vaffanculo precedentemente cantate,rappresentano la capacità autoriale in persona;almeno però possiamo tirare un sospiro di sollievo,perché facendo due calcoli,gli mancano solo ma li mortacci tua e sta fia de na...e dovrebbe aver concluso.


Ennesima domanda,ma Iussun'dur(non ho davvero idea di come si scriva)che lingua parla?non è africana,non è francese "a tu mua,sbru la vitessessi a fu mua",è pur vero che cantando con Pupo (nuance di capelli rosso castagna matura)tutto ci interessa,fuorchè il suo idioma.


Prima di riassettarmi sul divano per ascoltare Patty Pravo che stecca come una disperata,vi scrivo anche che non esiste parola più idiota ed insignificante di extracomunitario,clandestino e compagnia bella.


Ma davvero si può credere che un territorio possa essere DI qualcuno e di qualcun altro no?ma davvero c'è chi ha diritto di vivere in un luogo ed un altro essere umano no?chiedere il permesso di soggiorno,ma a chi?ma che senso ha?sembra come quando si giocava al monopoli,qui è mio paga la tassa,un fiorino.


Siamo uomini e donne, tutti ugualmente disgraziati,chi più chi meno è ovvio,destinati a sofferenze atroci e grandi delusioni,con un destino identico di vecchiaia e rincoglionimento(se ci dice culo) in un luogo nostro che è la Terra,la nostra terra madre,la genitrice di ognuno di noi.


Piuttosto che continuare a discutere su chi ha diritto di stare e chi no,occupiamoci di cosa stiamo facendo al nostro unico polmone,al nostro cuore comune che sono entrambi incartapecoriti,maltrattati,stanchi come cavalli azzoppati e tutti facciamo finta di niente.


Basta.Non se ne può davvero più.


Basta con queste notizie tipo:" un romeno ha stuprato un italiana",questo è solo un bastardo chiamato erroneamente uomo che ha violentato una donna,basta con i telegiornali pieni di "si presume sia un extracomunitario"e allora?da sempre,per primi noi,le minoranze che vivono nell'abbrutimento più totale,propongono violenza e mala vita.Poche alternative.


Ciò non toglie che io amo le mie radici pur considerandomi assolutamente apolide,ciò non toglie che alcuni preti italiani retti e puri,continuano ad abusare dei bambini con l'appoggio della santa chiesa,che lo zio(italiano da dieci generazioni),molesti da sempre la nipote da anni,fra le quattro mura calde di una famiglia come tante.


Si lo ammetto,sarà perchè peso 80 chili un'altra volta,sarà perchè non dormo più di notte,sarà perchè non posso fare due passi che sento il mio secondogenito con un piede sulla porta,sarà per questa solitudine attanagliante e dalla quale non so come difendermi,ma secondo me,Sanremo è sempre Sanremo.




Nevicherà stanotte?ho i piedi in pieno rigor mortis,ghiacciati,non circola sangue nei loro dintorni,ormai da settimane.


Cazzo,da oggi è il mio ultimo mese da trentatreenne e da monomamma.


Buonanotte testa perfetta.




8 commenti:

Tiziana ha detto...

Se mai volessi regalarti uno pseudonimo, in un tuo futuro da scrittrice, io proporrei "risoamaro". Sai quella sensazione che ti accompagna durante la visione di vecchie commedie all'italiana, dove sì, sorridi, ma poi resti sempre con un filo d'amarezza? Ecco, diciamo che è un pò quello che mi capita leggendoti.
Sei brava, Silvia, ed hai un umorismo sagace, tagliente. Bella capoccia!
Peccato, almeno per quanto mi riguarda, non aver approfondito questa conoscenza quando se ne aveva la possibilità.

La siciliana nordica ha detto...

Eccomi, avevo promesso di seguirvi regolarmente, promessa mantenuta! Se posso darti un consiglio sorella Mora: intanto comprati una coperta da TV decente, è forse l'oggetto più importante che uno debba avere in casa, investile quelle due lire!! Poi, quando mangi la torta al cioccolato: GODITELA, tanto pesi 80 kg, ma fra poco come per incanto ne perderai almeno 10 in poche ore, ti succederà di nuovo nella vita una figata del genere? Adesso passiamo a Sanremo, che sinceramente non ho guardato manco per mezzo minuto, primo perché la tetta moscia della Patti Bravo 65enne me la vorrei evitare se posso, poi per tutti i motivi che hai elencato e che mi hanno fatto morire dalle risate. Cmq alla fine non ha nevicato l'altra notte, e io che speravo di immergere le manine del mio piccolotto nella gelida neve (e mandare il filmato in forma anonima a mia suocera, magari era la volta buona che non si rimettava dallo choc) ma niente da fare, solo lampi e tuoni e l'ennesimo invio di polpettine da parte della Mammà con istruzione allegate su come accendere il Mio forno e riscaldarle per il Suo bambino 37enne. Cara sorella Mora, spegni quella cavolo di televisione e vai in cameretta a vedere quanto è bello tuo figlio mentre dorme, toccati la pancia e sogna alla gioia dell'arrivo del suo fratellino...consiglio spassionato da una che non l'ha mai fatto e che se ne sta tutte le sere sotto la sua coperta davanti alla TV, dialogo con marito: pari a zero, encephalogramma: piatto....però la coperta è di lana misto-cachemire, vuoi mettere!!!

la sorella bionda ha detto...

Cara sicily..scirivi un blog!
Il tuo intervento è meglio del post!!
E daje che mi sono intromessa nello spazio di mia sorella!

La siciliana nordica ha detto...

Grazie ma non sono abbastanza tecnologica, non saprei proprio da dove iniziare! E poi sono i vostri post che mi ispirano!! Ah, e mi dimentico sempre di dirvi che sono arrivata al vostro blog tramite "amiche di salvataggio" su Donna Moderna. Avevano ragione, siete simpatiche da morì (questo è il mio lato romano, perché c'è anche quello....!!). Vi auguro buona notte, davanti all'enesima puntatona di Sanremo per qualcuna, o ad un canale satellitare dedicato ECXLUSIVAMENTE al tennis scelto dal maritozzo per qualcun'altra...mi mandate una fetta di torta??

La Mora ha detto...

Niente da fare,non solo c'ho la sorella che mi si intromette nei commenti,inoltre denigra i miei post dicendo che sono peggiori dei commenti.
Incredibile,però è vero,mia hai fatto molto sorridere,specie tua suocera che deve essere uno spasso.
Lo guardo sempre mio figlio dormire,non c'è niente di più bello da guardare,e solitamente non guardo la televisione,giammai.
Leggo donna moderna con regolarità e superficialità,tipo lobotomizzata rilassata,ma ovviamente,l'unico numero che ho perso è quello con la nostra recensione.
Pazienza.
Ti inviamo frappe e castagnole con ricetta polacca,davvero squisite.
Se ne hai voglia e tempo,leggi i vecchi post di questo strano blog,ti divertirai.
Continua ad essere dei nostri,mi raccomando.

La Mora ha detto...

Cara Tiziana,che dire?questo è ciò che sono e scrivo.
Ho sempre scritto,è la mia principale attività direi.oltre a quella del lamento continuo.
Hai trovato il post A Marco?dovrebbe essere del 24 Gennaio.
Leggi e fammi sapere.
Buon fine settimana di maschere e sole.
Io

Tiziana ha detto...

Sì, ho letto e se vai sulla posta di quella macchina infernale che, spesso e volentieri, ti permette di fare inaspettati tuffi nel passato (non sempre piacevoli come questo), Facebook, troverai il mio commento.
Baci, e buon fine settimana anche a te.
A proposito, per colpa del tuo post ho passato la serata di ieri a guardare sanremo.. oltre a condividere i tuoi commenti, mi sono chiesta un paio di cosette: ma se l'anno scorso c'era giò di tonno e quest'anno sal da vinci, vuoi vedere che nella scelta dei nomi d'arte per i cantanti del festivallo c'è lo zampino di antonellina clerici? E poi: non sembra anche a te, vista la studiata e costosissima scenografia del suddetto festivallo della canzone No-Strana, de più, che il programma si svolga all'interno del caveau della banca d'italia?!!
Insomma, proporrei che il caro paolino bonolis, al termine della manifestazione canora, si dedicasse ad un nuovo programma: "il senso di sanremo".. perchè, non so tu, ma io non l'ho mica capito?!!!
Ariciao!!!
Tiziana

La Mora ha detto...

La scenografia era davvero orreenda e pericolosa,sembrava un autoblindo,pochi fiori,niente essenzialità.
Per il resto,il festival mi è abbastanza piaciuto,partendo dalla vincita di Cicken Little versione Marchesini,nei giovani.
I primi tre piazziati dei big mi fanno senso.
Evviva la Clerici che ha appena partorito la sua bambina tanto attesa(pare mi' sorella se parlo così)
Manteniamo il filo.
Facebook mi stressa un pò.
Buona metà settimana.
Silvia

Fairytale Wedding Planner's Fan Box