lunedì 19 settembre 2016

La prossima volta ed un cactus



La prossima volta, giuro, ci farò caso.
Al prossimo giro starò attenta.
Cercherò di occuparmi delle mie inclinazioni, di quello che mi piace, di sfruttare le mie possibilità.
Starò attenta a me, al mio nome, alle mie cose.
Mi difenderò ancor prima di cercare chi possa difendermi,mi batterò per me, prima di dannarmi a trovare qualcuno che lo faccia al posto mio, mi guarderò dritta in faccia senza sconti, senza trucchi e matite a mascherare, colorare, mimetizzare, guarderò il mio viso senza inganni.
La prossima volta indagherò, studierò, scaverò, e poi salirò in superficie a cercar aria e leggerezza.
Al prossimo turno ci sarà tempo e modo per sputarmi in faccia e ripartire da lì.
Mi accorgerò del mio posto senza prima cercarne uno accanto ad un uomo.
Senza rabbia, farò tesoro di quello che ho imparato e cercherò di limitare difese e teatrini della mente.
Non fuggirò i miei sogni ignorandoli, non tradirò le mie passioni maltrattandole.
Sarò più attenta ad essere me, senza propaggini nè dipendenze.
Sarò fedele ai miei spazi, ai momenti da vivere in solitudine e silenzio, senza attendere nulla, ma riempiendo il mio tempo con me.
Racconterò la mia storia vivendola giorno per giorno senza confondere le vite di altri con la mia.

Dovrò ricordarmi tutto questo senza distrarmi come al solito inseguendo odori e sensazioni, senza perdermi dentro ai miei mille rivoli somatici, senza intontirmi con il battito del mio cuore sempre fuori sincrono.
Il fatto è che questa storia della rinascita non mi è molto chiara, e se rinascessi sotto forma di cactus?

E' difficile ricordarsi tutte queste cose se sei un cactus.
La questione si fa spinosa.

3 commenti:

Massimo ha detto...

Se ci reincarna in un unghia il consiglio per ricordare la lista è consultare l'indice.
In medio stat herpes.

Anonimo ha detto...

era "CI SI reincarna"

silvia ha detto...

Prima o poi mi farai morire...

Fairytale Wedding Planner's Fan Box