giovedì 17 luglio 2014

Disabile emotiva



Sono diventata una disabile emotiva, un'incontinente sentimentale.
Mi affido, mi lego, mi ribello e divincolo.
Fuggo, nascondo la faccia e le mani, poi esco dal buio, mi rialzo, guardo la luce, riprendo a camminare e ricado.
Il benessere ed il peso,
il sollievo ed il dolore,
lo slancio e la paura,
l'avanti e l'indietro,
la protezione ed il soffocamneto,
la cura e la dimenticanza,
la leggerezza e la colpa,
il sesso e la solitudine,
l'esposizione a petto aperto ed il nascondiglio del cuore,
il coraggio e la meschinità,
il rischio e la sicurezza,
la spinta e la repulsione.

Su una giostra folle, la mia, sono tutto, sono qualunque cosa, sono vicinissima e lontana,sono nessuno, sono tutti, sono lui, sono lei, sono niente.

2 commenti:

Massimo ha detto...

Se ti può consolare, per alcuni sesso e solitudine non sono in contrapposizione.
E allora si cercano di consolare su una consolare (Tiburtina, Salaria...)

silvia ha detto...

No dai Massimo ma come fai?sei meraviglioso.
Comunque hai nominato tutte strade molto battute.

Fairytale Wedding Planner's Fan Box