venerdì 17 gennaio 2014

D'amore e di tempeste




Non ci credo più in quella faccenda dell'amore.
Più non ci credo e più vorrei crederci, più vorrei farlo e più torno a cercarlo testardamente.
L'amore lo cerco ovunque e la bulimia mi assale, ingoio sensazioni, mi ci riempio la pancia, monto e smonto emozioni, attiro vibrazioni, seguo tracce, disperatamente vorrei trovare la possibilità di essere ancora ciò che so essere accanto a qualcuno mentre ci si ama, ci si vuol bene, ci si fida.
Non mi sono mai sentita tanto sola, senza timone, senza appigli nè ormeggi, non mi sono sentita tanto al largo di un mare sconosciuto, e cerco il faro e mi acceco, e lo scambio con le luci dei paesi sulla costa, e sbatto, e mi fracasso il cranio sugli scogli puntuti.

E cerco il fascio di luce per ritrovare la via, il porto, il rientro, l'attracco.
Il faro dovrei essere io e nessun altro, i punti cardinali dovrebbero stare custoditi dentro ai miei occhi, dovrei fermarmi, smettere di remare disperatamente, di affannarmi, di sputare fiato bruciato, piantarla di girare intorno ad onde nulle, lasciare i remi e restare immobile.
Dovrei fermarmi per capire dove sono, darmi il tempo di abituare gli occhi a questo buio, e regalarmi la possibilità di rischiarare intorno.
Dovrei stare zitta, non scrivere, non parlare, non scegliere, non andare, il fatto è che dovrei restare sola con me.
Non ne ho affatto voglia.

2 commenti:

pietro ha detto...

commentare non si deve non si può . . è tutta roba tua .. da dentro a fuori e da fuori a dentro .. fermati fermati e guardati .. vedrai che c'è tanta roba buona da dove ripartire ..

silvia ha detto...

Caro Pietro, grazie per il tuo commento pieno di discrezione ed affetto.
Ho l'impressione che mi ascolti davvero.
Sono sempre qui, con la penna in mano.

Fairytale Wedding Planner's Fan Box