venerdì 13 settembre 2013

Dal meccanico



Io, oggi pomeriggio dovrò andare dal meccanico.
La macchina non và, gratta, emette rumori sinistri, anche destri ma in maniera minore.
Ho preso appuntamento con il meccanico per le ore 17 in punto.
Io, andare dal meccanico, proprio non mi piace.
Io, dare i soldi al meccanico mi sembra di buttarli, un peccato vero, un colpo al cuore, un dispiacere ingiusto.
Io non ci capisco niente di meccanica e meccanici, fatico ad immaginare come sia fatto un motore, cosa sia un radiatore, dove siano le fasce, di che colore siano le pasticche ed ogni quanto bisognerebbe somministrargliele.
Io non ho voglia di andare dal meccanico, mi sale l'ansia, non so dove parcheggiare nell'officina, temo che improvvisamente si alzi il ponte levatoio, che possa rigare la macchina sui muri meccanici, che schiacci un piede al professionista meccanico.
Io, quando devo andare dal meccanico non ci voglio andare, mi potrebbe dire qualsiasi cosa che io non sono in grado di controllare, potrebbe effettuare qualunque diagnosi ed io non avrei scampo, potrebbe illustrarmi con pazienza motivazioni e pezzi rotti coinvolti nel guasto ed io mi scoprirei a fissargli attonita il colletto o le unghie delle mani.
Io, ogni volta che vado dal meccanico, finisce che gli chiedo: "ma non si può prendere un pezzo dallo sfasciacarrozze?" anche se si tratta soltanto di regolare la frizione.
Io, dal meccanico, credo ancora in maniera obsoleta e retrograda, che ci debba andare un uomo.

Io, che oggi devo andare dal meccanico, se dovesse finire che lui rispondesse alla mia domanda:" si, può cercare il pezzo dallo sfasciacarrozze", io sarei disperata.
Io, andare dallo sfasciacarrozze, è peggio che andare dal meccanico.

7 commenti:

Anonimo ha detto...

Ti leggo sempre e non commento mai. Questo post è esilarante, complimenti davvero. Mi permetto solo di dirti, sperando che tu la prenda come critica costruttiva, che "va bene" si scrive senza accento. Spesso scrivi anche "po'" con l'accento anziché l'apostrofo. Sono piccolezze ma è un vero peccato trovarle in testi così piacevoli da leggere.

Emanon ha detto...

Odiose tutte le riparazioni, di ogni genere.
Paghi per riavere ciò che hai sempre avuto fino a poco prima, ovvero una tua cosa funzionante (macchina, pc, tapparella...).
In un certo qual modo è come pagare non un conto ma un riscatto.

Caro Anonimo, pur sentendomi sollevato da ogni responsabilità ISO9000 qualitativa in veste di umile commentatore, sappi che i miei eventuali strafalcioni grammaticali non sono tali ma licenze poetiche. :)

Sabrina ha detto...

Ti leggo con immutato piacere dopo che un lavoro da videoterminalista per 9 ore giornaliere senza pause (è schiavismo, lo so, ma alla fine del mese c'è pur sempre uno stipendio, e di questi tempi....)mi impediva di rintemprare l'anima alla sera con la tua verve,perchè i miei occhi si rifiutavano anche solo di sfiorare con lo sguardo un qualsiasi video. Solidarietà nell'incresciosa incombenza di entrare nell' antro buio, misterioso e scivoloso di macchie d'olio che anch'io affronto malvolentieri, già sapendo che qualunque sarà il responso di questo oracolo in tuta blu e mani nere il prezzo da pagare sarà sempre più caro delle mie più cupe previsioni

silvia ha detto...

Cari nuovi e vecchi ( e stanchi) commentatori, mi compiaccio della vostra attenzione, mi dolgo e mi pento per gli errori di accento ed apostrofo che faccio soprattutto per ignoranza della tastiera, spingo un po' a caso, appena vedo un simboletto che possa andare...tac, ma certo questo non mi redime, non accadrà più, lo giuro sul Devoto-Oli.
Vi abbraccio di lunedì mattina, aria d'autunno e sole generoso.

silvia ha detto...

P.S.
Sabri, inaugurerò una copia cartacea del mio blog, per evitarti il fastidio luminoso di leggermi on line, ci allegherò anche un fagottino mele e cannella ed un cappuccino schiumoso, per darti il buongiorno.
Se preferisci il cornetto integrale e la spremuta d'arancia, non hai che da dirlo.

Carla ha detto...

Passo dall'elettrauto sotto casa e gli chiedo l'antenna che mi hanno appena rubato sulla C3. Mi chiede 15 euro per l'antenna usata (gliel'avranno appena portata?).
Ci va il mio compagno per l'antenna della sua classe A e la paga 5 Euro.
Dal meccanico non saprei, ma dall'elettrauto deve andarci l'uomo! :(

Silvia ha detto...

Maledetti....aaaarghh!

Fairytale Wedding Planner's Fan Box