mercoledì 26 settembre 2012

Senza tu

Fuori c'è un autunno ventoso, appena arrivato, vedo gli alberi muoversi, sento il loro fruscio, bevo un tè caldo, ed ancora intravedo il segno del costume sul mio collo, ultimi strascichi di un'abbronzatura estiva, già lontana. I giorni, frenetici e pronti per essere dimenticati insieme ad un altro milione di altri giorni di lavoro e corse e cene e scuola e merende e panni da stendere, a volte si bloccano, si impuntano, inciampano e non puoi più dimenticarli. La lente che guarda quei giorni diventa larga, attenta, precisa, quasi paranoica nella ricerca di un particolare, di una modificazione, di uno spostamento. Arriva un giorno che sembra uguale agli altri fino al momento in cui non ti dicono "il tuo amico ha avuto un incidente", ed allora ti fermi e vai da un'altra parte, non la solita parte, vai incontro a lui, sperando di trovare qualcosa di buono, qualcosa che ti faccia pensare che possa svegliarsi e tornare a parlare con la stessa voce di prima, con la stessa espressione di un tempo, con i medesimi gesti che conosci da una vita. Corri dalla sua famiglia, aspetti sui gradini, il tempo non passa mai, soppesi gli sguardi, fissi le scarpe, annusi il tunnel della terapia intensiva, ti stringi dentro di te, per nasconderti da quel dolore intollerabile, dalla paura atavica,dallo sguardo perso dei suoi cari, dai loro colli piegati in avanti, respiri e poi l'odore del disinfettante ti strozza. Cammini nei corridoi, guardi fissa il medico che spiega cosa sta succedendo al vostro amico, cosa non gli sta succedendo, sbirci la sua espressione, direzioni lo sguardo dove lo direziona lui, stringi un maglioncino di filo in mano e poi, preghi in quella tua maniera anomala, ridi anche un pò con gli altri per assurdo, poi esci chiedendoti, come quando sei entrata, se ne vale davvero la pena. Poi esci e c'è il sole e tutto è identico, ti chiedi come sia possibile che tutto sia identico, ma poi capisci che questo essere identico, immutato, riconoscibile e familiare è l'unica cosa che possa permettere a chi aspetta, di sopravvivere mentre attende un ritorno. Mio figlio di tre anni, una volta tornata a casa mi ha detto:"mamma, mi fai compagnia in cameretta mentre gioco?" "No amore sto cucinando, gioca tranquillo io sono qui vicino" "no mamma, ho paura fammi compagnia ti prego" "ma di cosa hai paura tesoro?questa è la tua cameretta, la nostra casa, di cosa hai paura?" "ho paura di senza tu". Ecco Tommi, svegliati presto perchè ho paura senza tu.

5 commenti:

loretta ha detto...

Cara Silvia, capisco benissimo, purtroppo, quello che provi. Io"ho paura senza lui" il mio dolce papà ,che non c'è più. Mi manca tanto,Mi manca la sua voce ,che la mattina mi telefonava, mi manca il suo odore e mi manca la parola "PAPA'" che esce dalla mia bocca per chiamarlo. Ma sai la paura più grande che ho quale è? ..E' quella di dimenticare.

Ti abbraccio forte. Loretta

Sabrina ha detto...

Mi unisco alle tue preghiere anomale.Prego che, perso nel limbo del coma, riesca a percepire l'acuta sensazione di assenza che tutti i vostri cuori stanno provando. E che inizi la strada del ritorno.

Silvia ha detto...

Cara Lori, mi ha molto colpito che tu abbia scelto questa paginetta per scrivermi del tuo dolore.
Sai quanto l'assenza di tuo papà mi risulti ancora irreale, poco concreta, ho l'impressione di poterlo raggiungere con la facilità di sempre.
In un post di agosto c'è anche lui e la sofferenza di quei giorni, rimasta immutata purtroppo, ancora oggi.non ho voluto dedicare un intero post a ciò che gli è capitato perchè mi sembrava qualcosa di troppo vostro per poterlo "usare" scrivendolo tutto.
Credo che la cosa più terribile sia non sentire "dimmi" quando chiami qualcuno, ma penso anche che tuo padre c'è sempre stato per tutti voi, una presenza così costante ed affidabile, che non può che essere considerata un enorme dono.
Ed un dono, cugina mia, ricevuto così tanto a lungo e con infinita generosità, non può, dico non può essere dimenticato.
Ti voglio bene e mi stringo nel tuo abbraccio.

Silvia ha detto...

Cara Sab, la strada del ritorno, spero sia iniziata ieri, quando, dopo aver pubblicato il post, mi hanno chiamata per dirmi che gli avevano tolto il tubo, niente più tubo, solo una maschera leggera, via il tubo.
Aspetteremo fingendo di non avere fretta, per lasciargli il tempo di tornare esattamente quello che era prima di salire su quello scooter, esattamente una settimana fà...

Anonimo ha detto...

dita incrociate per tommi,che sta tornando da noi,un baciocurativo su tutte le sue ferite!! volevo dire a mia nipote Lori di non preoccuparsi non si corre il rischio di dimenticare, neanche volendolo fare!mi è molto piaciuta la descrizione che T.terziani fa di se come padre,lui si definisce "seminatore di ricordi"ecco spero di averlo fatto anche io con figlie e nipoti!resteremo per sempre nella memoria di chi abbiamo amato, io anche ora sento il profumo dei miei e ti stupirai come i sogni te lo restituiranno intatto e "reale"11Ti abbraccio forte. grazie amia figlia che riesce sempre a dare voce ai miei sentimenti!! bacio

Fairytale Wedding Planner's Fan Box