sabato 2 marzo 2013

Poutpourri di Marzo

Ho perso circa ventitrè chili. Insieme ai chili ho smarrito: Numero due seni che amavo, tondi, turgidi, pieni, che avevano resistito a 18 mesi per 2 di allattamento forsennato,ora ridotti a pashmine di seta. Quantità imprecisata di tono muscolare nonchè di muscolo stesso, a tutt'oggi ancora non pervenuto. Un collo normale, ora ridotto a pliche morbide come panni daino per spolverare il cruscotto della macchina. Un viso pieno e teso, ora solcato da rughe tristi, precipitanti verso il basso, vittime dell'implacabile forza di gravità che io sostituirei con quella centripeta che mi regalerebbe indiscutibilmente, un aspetto più tonico. Dei glutei pieni come mappamondi, ora morbidi come il pane per i tramezzini. Delle cosce grasse ma toste, ora asciutte ma oscillanti come budini caramellati. Conscia del fatto che necessito di ginnastica, nuoto, movimento integrale, corsa su parco, salto senza asta, dressage senza cavallo, pilates estremo con spasmo addominale, entro in una profumeria. Mi si avvicina la commessa sapiente:"desidera signora?" Ormai il "signora" scatta automatico, prima andava e veniva come il segnale della radio nella mia macchina, ora è lì persistente...signora. -"vorrei essere meglio di così" sibilo guardando la commessa poco più che ventenne, con espressione disperata. -"è venuta nel posto giusto allora". Strano, mi sembrava una semplice profumeria. -"vediamo, colorito spento, pelle assottigliata, scarsissima idratazione, qualche rughetta, perdita di tono, signora qui dobbiamo correre ai ripari,non più cosmetici e trucchi della linea giovane ed economica, dobbiamo salire di gamma" -"quanto mi costa salire di gamma? no giusto per saperlo, abbiamo il contratto di sanità privata bloccato da tre bienni, il mutuo variabile, la scuola, la mensa, le bollette, la spesa alimentare, l'intero guardaroba da rifare (dalla taglia 46/48 alla 40, non mi sta più bene neanche una mutanda)" -"signora non ne faccia una questione di prezzo, qui è una questione di qualità, stiamo parlando della sua pelle" -"perchè io valgo" -"certo". -"prima di tutto devo sapere alcune cose" -"domandi pure, non ho segreti" -"lei su cosa lavora?sull'acqua o sui lipidi?" -"no, io sulla Tuscolana, zona quadraro" -"non faccia la spiritosa, è importante, lei su cosa agisce primariamente?sull'idratazione o sul rassodamento e l'azione antirughe?" -"gnec..." -"ho capito, ripartiamo dalle basi" -"e ripartiamo và" -"La sera lei deve struccarsi con un gel idratante nettoyante anche energizzante, poi deve tamponare con un tonico apposito ed è lì che inizia a fornire acqua, idratazione, e prepara la pelle a ricevere il trattamento" -"preparo a ricevere, ed io che la sera leggevo, imbecille" -" a quel punto applica il siero all'acido ialuronico che agisce fornendo acqua, isotopi (non credo abbia detto isotopi ma una roba del genere), la molecola del siero permette alla sua pelle di trattenere l'idratazione durante la notte, poi applica la crema, una crema molto confortevole, grassa ed antirughe" -"io mi struccavo con la saponetta" -"male molto male, la saponetta asciuga, tira, le secca ancora di più la pelle già molto provata" -"niente saponetta" -" assolutamente niente saponetta. Gel, tonico, siero, crema antirughe profonda e poi, ovviamente almeno uno scrub due volte alla settimana" -"ovviamente" Mentre parla afferra cose dagli espositori, in mano ha già cinque/sei scatolette molto attraenti, un packaging furbo, ammiccante. -"Poi passiamo all'attacco di contorno occhi e collo" -"non oggi per carità divina" -"come non oggi?ora, non rimandi la cura di sè stessa" -"me stessa" -"per queste labbra che vedo un pò sofferenti che facciamo?" -"le vede sofferenti perchè mi baciano poco" -"la baciano poco perchè ha le labbra sofferenti, dia retta a me, esiste una barra a base di ceramidi, che le ricostruisce completamente il tessuto della bocca" -"mi sembra un burrocacao" -"sembra". Ci allontaniamo dalle creme e passiamo vicino al reparto cosmetici e trucchi, tremo... -"stava guardando i rossetti della Clarèn (oddio l'ho sempre chiamata Clarins, n.d.r.)" -"no no, cercavo l'uscita con lo sguardo" -"fa bene a guardare questi rossetti, hanno una pasta magnifica, una texture irresistibile, una tenuta perfetta" -"Me possino cecamme si li guardavo, e poi tanto non mi baciano glielo ho già detto" -"ma se la baciassero, questo rossetto le farebbe fare un figurone" -"non vedo l'ora, anzi è proprio il caso di dire che non sto nella pelle" -"quale colore le piacerebbe?" -"Questo?" -"eh no eh no, lo vede?se lei deve creare un effetto salute, si ricordi sempre che deve usare tutta la gamma dei rosa-rossi, mai dei marroni, mai" -"infatti non ero proprio convinta". La commessa, apre rapida come una faina il cassettino dei rossetti mentre io penso a quanto sia brutto il concetto di "effetto salute" piuttosto che di "salute" vera e propria. Mentre aggiunge un rossetto scintillante alla mia involontaria spesa, mi chiede se possiedo la matita adatta. -"a questo punto ne dubito" rispondo io, che già immagino un mese a pane ed acqua anche per la mia prole. -"ne dubito anche io, queste matite sono state tutte riformulate, sono eccezionali e passepartout" -"eccezionali e passepartout" -"se fa la tessera con noi, ha lo sconto sulla nuova palette di Dior, hanno lanciato una nuova linea da borsetta così fashion che sono belle anche solo da vedere." -"meno male non hanno lanciato direttamente la borsetta.Costerebbe?" -"per i tesserati 79 euro" -"79 euro per un ombretto?" -"signora sono tre ombretti" -"ah me pareva n'pò troppo". -"questi li può mixare, poi dipende dalla sua gestuelle, ma ci può creare magnifici effetti, metterli bagnati od asciutti, avrà uno sguardo intenso, se poi l'abbina al Rimmel, perchè codesto è Il Rimmel per eccellenza, riuscirà ad ottenere un effetto scenico, quasi drammatico" -"perfetto per me direi" -"vedrà quanto ne sarà felice, poi mi creda, spenderà un pò di più ma non c'è paragone, anche come durata". I pacchetti vengono inseriti in una bustina di cartone piccolissima, il bancomat si inceppa in un singulto di dolore misto a senso di colpa, la commessa preparata, mi chiede se voglio dei campioncini. Se voglio dei campioncini?ma io voglio i pesi massimi dei campioncini, io voglio i mondiali dei campioncini, le olimpiadi dei campioni. -"dei campioncini?lei mi deve fornire campioncini di creme e profumi per il prossimo triennio, certo che li voglio". Con la faccia attonita barcollo verso l'uscita, dovrei fare la spesa ma non ho più materia prima per acquistarla, mi chiudo in macchina e butto tutte le scatoline di cartone, infilandomi in borsa solo i contenuti fashion e scintillanti, cercando di occultare ogni prova del mio peccato, soprattutto a me stessa. I campioncini del nuovo profumo di Justin Bieber, occhieggiano spuntando dalla mia borsa cartonata, made in Oviesse post sconti, ingrano la marcia e scopro che un chilo di Reggiano stagionato 36 mesi, costa meno dello scrub per il viso che stasera mi passerò rabbiosamente sulle gote.

5 commenti:

Sabrina ha detto...

Benvenuta nel club di quelle che entrano in profumeria ripetendosi il mantra del "faccio qualcosa per me stessa" e finiscono con l'uscire avendo fatto qualcosa per il premio-produzione della commessa...pensa che nel tuo piccolo hai contribuito a una briciolina di lotta alla disoccupazione, mentre la sera ti spalmi crema e sensi di colpa ......ma....18 kg ??????spero che almeno tu abbia finito angoscia ed esami, e che non ci fossero brutte notizie !

silvia ha detto...

23 chili non 18, sono uno straccetto svuotato, aspetto biopsie.
Sto meglio, sto molto meglio.
Conta?

Sabrina ha detto...

Certo, conta. E conterà ancora di più dopo l'angoscia dell'attesa-biopsie.
Buona notte, straccetto

silvia ha detto...

Buonanotte ragazza, ti voglio un pò bene, pensa che cosa assurda, non conosco neanche la tua voce.

elisa ha detto...

oddio che ridere...ho riso da sola come una scema immaginando la tua faccia mentre me lo raccontavi...

Fairytale Wedding Planner's Fan Box