sabato 5 marzo 2011

"Certe sere..."


Certe sere succede che esci dopo parecchio tempo,lasciandoti alle spalle i tuoi figli che piangono la tua inaspettata dipartita e non ti senti neanche troppo in colpa.
Certe sere raggiungi le tue amiche in centro e mangiate gli spaghetti alle vongole,il risotto alla crema di scampi e la focaccia bianca calda.
Certe sere parlate così fitto e con ampi gesti del cuore che non vedete neanche il cameriere che cerca di sparecchiare.
Certe sere si parla di uomini,figli,famiglie,ricatti,dolori,amori finiti,amori difficili,amori facili come un gioco da bambini,progetti bellissimi,pettegolezzi sulle colleghe più giovani,la neve e le spese di gpl per scaldare tutto.
Certe sere mangiate in tre lo stesso profiterol con il cioccolato fondente fuso,dalla stessa coppa di vetro e panna,e vi si fanno le labbra nere e sembrate delle darkettone irriducibili ma ancora più belle.
Certe sere,parlando e parlando si è fatta mezzanotte e la sindrome di Cenerentola ti sfiora appena.
Certe sere ci si guarda la pelle e la si scandaglia alla stessa stregua del cuore,più difficile però,trovare qualcosa che lo lenisca come una crema efficace,appena uscita sul mercato.
Certe sere ci mettiamo a nudo e non si fa poi una gran fatica,sarà merito dell'insalata di mare.
Certe sere vi salutate con grandi baci ed abbracci e sembra quasi che non sia successo davvero,una serata ideale,una specie di sogno,una fetta di nuovo dentro alla quotidianeità schiacciante.
Certe sere parcheggi all'una di notte,con il tuo vecchio cappotto nero addosso,ti stringi le mani sulla vita e ti senti grande,forse già un pò vecchia e finalmente,silenziosa.
"Certe sere" pensi, mentre ti spogli piano e ti sdrai accanto ai tuoi figli piccoli ed arrotolati nel vostro piumone:"dovrebbe passarle la mutua":

4 commenti:

otonga ha detto...

ciao, leggere questo post mi ha fatto pensare a quelle rare serate che passo con le mie amiche di sempre, amiche che riescono a farmi sentire a casa anche dopo un secolo che non ci si vede, amiche che ti fanno ridere per ogni sciocchezza perchè è l'ennesima volta che sento quella battuta, amiche che ti guardano e ti dicono delle carognate ma sai che stanno scherzando, amiche a cui dico delle carognate ma che non si incavolano perchè sanno che sto scherzando, insomma amiche che porto sempre con me, anche se è ormai difficile vedersi

Io ha detto...

Si, è proprio così cara Otonga, le amiche di sempre, grande fatica per vedersi da sole, ma una miniera inestimabile.
Sono felice che tu mi legga, cercami su blogosfere, è un progetto al quale tengo molto.
Ti aspetto

otonga ha detto...

ari ciao, curiosa come sono, sono andata su blogosfere.
Mi sembra un raccoglitore di blog.. e fino a qui tutto ok.
Ma come ti trovo? insomma più info please :-)

Io ha detto...

Tesoro, effettivamente è un raccoglitore di blogger e blog, a fine di ogni post di a cena da mamma stasera?(questo blog)metto sempre il link specifico che rimanda all'ultimo post sul blog nuovo di blogosfere, comunque il mio blog lassù, si chiama cena da mamma, è fra i blog di tempo libero, sotto a curiosità, basta comunque che tu digiti da google:cena da mamma blogosfere e mi troverai, prometti di leggere tutti i post da Marzo a qui, aspetto le tue impressioni con ansia, per me è una grande avventura.
La curiosità è una grande dote.

Fairytale Wedding Planner's Fan Box