giovedì 25 agosto 2016

Apulia


La terra rossa e grassa si sbriciola sotto ai miei passi, carica di fichi ed olive e mandorle, si lascia soffiare sopra aria piccante e salata che arriva dal mare blu.
Respiro piano, è presto, dormono tutti e ieri sera abbiamo fatto tardi davanti al fuoco, intenti a grigliare pesce e pannocchie dorate, pannocchie dolci come alle feste dell'Unità di quando ero bambina.
I taralli con la crosta liscia da accarezzare con la lingua fino a scioglierli lentamente, la doccia nuda in mezzo alla campagna, e salire sui tetti dei trulli per asciugarsi sulle chianche roventi, guardando solo il cielo e la chioma d'argento degli ulivi contorti in un abbraccio secolare.
I paesini bianchi come un pugno nell'occhio, girano a satelliti intorno alla conca della valle d'Itria, puntinata di macchie chiarissime e campagna ricca e sfacciata.
Il vento agguanta i capelli che si lasciano andare e sedurre e portare via senza resistenza.
Nel costume quel calore antico, l'umido del mare, la spinta verso l'amore, il languore, l'ora della siesta, il frinire delle cicale, assordante, ipnotico.
Sonno ed amore vorresti, in un'alternanza molto confusa ed ininterrotta.
Tornare dal mare ed affondare la bocca nei fichi morbidi appena colti, quel profumo appiccicoso ed avvolgente, velluto di miele che scivola sul palato e la pelle che chiede ancora il mare, e le onde leggere, e la spuma bianca come di brindisi giganti.
Ricordarsi i sogni appena sveglia e liberarsene a colazione davanti agli alberi, lasciarli sciogliere nella realtà energica dei fiori e degli alberi carichi di frutti e vibrazioni.
Musica e teatro fra i vicoli stretti e pieni di fiori, i balconi bianchissimi di calce e girandole di ferro battuto.

Un brivido leggero in una sera inaspettata mi attraversa la schiena e sa inconfondibilmente d'inverno.


2 commenti:

Massimo ha detto...

Sono felice di sentire (perché è il sentire che trasmetti) che hai gustato e goduto queste vacanze come non mai meritate.

silvia ha detto...

Grazie Massimo.
Resta un lontano sapore di fichi e taralli, una lieve sensazione di sole e mare sulla pelle, il ricordo del calore delle pietre a secco sulla schiena.
Ed il traffico romano sul raccordo arroventato anche di 26 agosto, porco cane porco.

Fairytale Wedding Planner's Fan Box