mercoledì 6 aprile 2016

Vi auguro

Vi auguro di avere un divano sformato e logoro per tutta la gente che ci si siedera' sopra.
Vi auguro natali pieni di chiasso e persone amate.
Vi auguro montagne di piatti sporchi per l'ennesima spaghettata con gli amici.
Vi auguro bicchieri di vino bevuti con gioia e coscienza.
Vi auguro viaggi e treni e blocchi per appuntarvi tutto ciò che vorrete.
Vi auguro concerti bellissimi da ascoltare direttamente dentro alla pancia.
Vi auguro porte sbattute dalla rabbia per una storia alla quale tenevate molto.
Vi auguro scelte difficili e piene di passione.
Vi auguro temporali da annusare nell'aria poco prima del loro arrivo.
Vi auguro di essere generosi e di non far mai troppo caso ai soldi.
Vi auguro cantate e balli sfrenati.
Vi auguro albe frizzanti e tramonti estenuanti per la loro lentezza.
Vi auguro di farci caso sempre.
Vi auguro non vi imbratti la corruzione e non vi sporchi la falsità.
Vi auguro compromessi non troppo dolorosi.
Vi auguro di prendervi cura, di preoccuparvi, di partecipare.
Vi auguro il coraggio di andare contro e di cambiare idea.
Vi auguro milioni di domande, una curiosità mai sazia, un cuore mai desolato.
Vi auguro caffè bevuti presto per dissolvere sonni mancati dovuti ad amori acciuffati al volo.
Vi auguro falò e notti a dormire sotto al cielo nudo.
Vi auguro bagni solitari e tuffi folli.
Vi auguro di riconoscere gli occhi che sapranno guardarvi davvero.
Vi auguro di saper dire di no se non vi va.
Vi auguro di poter dire di si, per una volta, anche se non vi va.
Vi auguro carezze e baci da non stancarvi mai.
Vi auguro di non essere gelosi e di non pensare che qualcuno possa davvero appartenervi.
Vi auguro di stupirvi e godere anche della noia.
Vi auguro che possiate telefonare a lavoro per dire che non andate perchè oggi dovete assolutamente finire quel libro.
Vi auguro mucchi di fotografie disordinate delle quali ricorderete l'esatta sensazione di quando le avrete scattate.
Vi auguro una casa piena di gente ma con un luogo tutto per voi.
Vi auguro di ricevere lettere e sorprese.
Vi auguro singhiozzi da trattenere l'aria poi tanto non funziona e passano da se.
Vi auguro programmi alla radio da ascoltare mentre guidate.
Vi auguro che sappiate tifare per la vostra squadra specie quando se la passerà male.
Vi auguro un bellissimo terzo tempo comunque vada.
Vi auguro la sincerità testarda ed i percorsi da cambiare.
Vi auguro le domeniche di sbuffi odorosi di crema, in fila in pasticceria verso l'ora di pranzo.
Vi auguro amici come fratelli
Vi auguro sabato mattina con il sole e mappe stradali da studiare il giorno prima della partenza
Vi auguro vibrazioni e scosse, pienezza e salti
Vi auguro una vita lunga e larghissima
Vi auguro di non dover timbrare il vostro tempo ma di poterlo gestire come vi piace.
Vi auguro di non fuggire la fatica e l'impegno
Vi auguro un amore che vi stremi, vi faccia correre ed ansimare.
Vi auguro di saper scappare davanti al pericolo
Vi auguro di non rinunciare a prescindere
Vi auguro di incontrare qualcuno che sappia trascinarvi fuori quando vi sarete chiusi dentro.
Vi auguro qualcuno che vi dedichi ogni parola di quella canzone
Vi auguro qualcuno che vi stringa la mano e vi ascolti
Vi auguro di non dimenticare mai del tutto, la tenerezza della vostra infanzia.
Vi auguro di non essere arroganti
Vi auguro di essere gentili
Vi auguro partite a pallone senza risparmiarvi, aneddoti buffi e storie assurde.
Vi auguro di ridere fino a farvi male alle mascelle.
Vi auguro tanto acido lattico e la sensazione fortissima, di essere stanci e vivi.
Vi auguro vi colga, senza alcun motivo apparente, quella sensazione di profonda gratitudine e che vi spalanchi gli occhi senza neanche volerlo.

Vi auguro di restare Fratelli sempre.

3 commenti:

Ambrogio ha detto...

Si si va bene tutto molto bello tutto molto dolce tutto molto vita vissuta, molto If, molto Gibran, molto poesia.
E allora magni, diciamo noi in SanBabila. E alura te magnet, bagai.
Ma cerchiamo di alzare un attimino le aspettative di felicità. Tutti quegli auguri e mai citato il successo.
Taac, ghe pensi mi: eccovi gli auguri dello zio Ambrogio:
1)Che a scuola siate sempre quelli coi voti più alti, meglio se ottenuti copiando o coi soldi che il papi ci ha dato a quel barbone dell'insegnante che guadagna come l'autista della mia colf. Obbligo vantarsi coi derelitti della sufficienza stiracchiata dopo notti insonni di studio, sennò toglie tutto il gusto.
2)Che nello sport puntiate sempre e comunque a vincere, e guai ai vinti
3)Che abbiate tanti amici che rimangano con voi fino a che offrite il giro al bar e il weekendino a Santa.
4)Che possiate indossare scarpe toscane fatte a mano che il prezzo è già alto cadauna non al paio.
5)Che l'obiettivo di ogni giornata sia arrivare all'happy hour
6)Che la vostra squadra vinca il triplete
7)Che abbiate sempre fidanzate da far girare la testa agli altri in strada e da vantarsi con le loro foto sui social
8)Che la vostra macchina non scenda mai sotto una determinata cilindrata. Senza un SUV che inquina ti passa anche la voglia di parcheggiare sui marciapiedi o sulle ciclabili e ti toglie il sorriso sulla foto dell'Autovelox
9)Che possiate calcolare sempre i percorsi da casello a casello in giri di Rolex mica in ore e minuti
10)Che possiate fare un lavoro molto ben retribuito, bene se onesto, altrimenti pazienza. Che abbia un nome lungo composto e in inglese da mettere sul biglietto da visita
11)Che i vostri fondi viaggino sempre col FTSE MiB in poppa che mica sempre si può portare i soldi in Isvizzera come ai bei tempi.
12)Che vi facciate concedere un mutuo a tasso agevolatissimo, poi lo rifiutate e pagate l'attico in contanti sbiancando l'impiegato della Cariplo.
13)Che sposiate una donna bella come la Silvia
14)Che i vostri figli possano nascere a Milano non in un posto qualunque
15)Che il vostro piano pensionistico vi consenta di bighellonare in giro per il mondo prima del rimbambimento totale
E se nemmeno tutto questo vi rende felici, almeno imparate a trovare la tristezza negli altri, quella non manca mai, come un romano in Sardegna


Ambrogio ha detto...

...tempi romani per i controcommenti...

silvia ha detto...

Aho stai carmo Ambrò, qui c'è da elegge er sindaco, mai hai visto chi se presenta?
Persino Giachetti, Giachetti lo boccio, notoriamente.
S.S. Sommo Sconforto...

Fairytale Wedding Planner's Fan Box