sabato 19 maggio 2012

Tempo

Il tempo non è un tempo, è un rotolare di fatti, una serie infinita di respiri che ignori, il fare, il correre, l’affannarsi, un tempo è quello che ti capita e quello che ti colpisce d’improvviso, il tempo sei tu e la vita che spingi chissà verso quale direzione. Il tempo è qualcosa di potente che sfugge al tocco, alla consapevolezza. Tanti anni fa, in questi giorni ho visto dei video di quando ero ragazzina che lo possono provare, era l’età in cui avevo tempo. Avevo ancora un sacco di tempo per fare, per diventare, per scegliere. Non lo sapevo a quel tempo di avere ancora tanto tempo, sapevo solo di avere il tempo che avevo davanti, quel tempo lì di fronte ai miei occhi, non pensavo a lui, ero nel tempo in cui avevo tempo e non lo sapevo. Si può perdere tempo? E se lo si perde, si può ritrovarlo dopo? A quel tempo vivevo e basta. Vivevo ignorando il tempo ed ora vivo e non ho più tempo. E’ finito il tempo, non c’è più tempo. Eppure vivo ancora mangiando altro tempo, continuando ad ignorare i miei respiri, sapendo però di non avere più tempo. Quel tempo che avevo è finito e non mi sono davvero accorta dell’occasione di averne avuto tanto da poter decidere il meglio, il bello, la rincorsa di un sogno vero, il sogno mio. O forse pensavo di averne troppo di tempo, pensavo che ne avrei avuto chissà quanto e che quella condizione di tempo possibile sarebbe stata lunghissima. E’ durata un soffio invece, mi resta tra le mani il sibilo del soffio, la sensazione di un treno che ti sbuffa in faccia lasciandoti a terra, il piccolo respiro del vento che ti struscia addosso e se ne và a scompigliare qualcuno che avrà più tempo di me per accorgersi che ha tanto tempo. Qualcuno meno distratto, qualcuno meno solo, qualcuno meno confuso di me, quando ero ragazzina. Qualcuno senza quei maglioni larghi e sformati, quei capelli disordinati, qualcuno senza quel guizzo negli occhi, senza quella stolta felicità senza recinto, qualcuno meno selvaggio da non lasciarsi condurre in un luogo più sicuro. Qualcuno meno bello di me che ero bella e non lo sapevo ed indossavo i maglioni sformati, qualcuno meno solo di me che per paura di restare sola, non si accorgeva di essere sola. Qualcuno che sapeva occuparsi dei propri capelli, qualcuno che sapeva fermarsi e programmare, senza lanciarsi a petto aperto verso qualsiasi cosa accendesse il suo entusiasmo tanto potente quanto fragile. Il tempo andrà ad investire qualche altra ragazzina meno persa di me, abbandonando la donna persa che sono diventata oggi. Il tempo sarà nelle mani di qualcuna con mani più attente ed un cuore più tranquillo, qualcuna con un viso meno pieno di espressioni rispetto al mio. Avevo un viso pieno di espressioni quando ero ragazzina, ai tempi dei video. Il tempo sarà giusto per una lei che saprà prendere le sue decisioni con lucidità e forza, qualcuna abituata alla disciplina del corpo e dell’anima, qualcuna che sappia cosa sia il sacrificio e non lo fugga come la peste. Il tempo sarà il premio per colei che non cercherà sollievo per la propria stanchezza o la soddisfazione del proprio istinto trascinante, qualcuna che saprà aspettare prima di rispondere. Ho sempre risposto io, ho sempre scalciato, mi sono sempre schierata ed il tempo se ne andava senza la mia apprensione. Ho sempre lasciato che le emozioni mi inondassero tutta, che la passione mi accendesse senza risparmio e senza risparmio mi sono lasciata carbonizzare, sbriciolare, incenerire. Ho sempre camminato senza trovare pace, convincendomi di averla trovata ed ammalandomi perché in fondo sapevo di non averla mai davvero raggiunta. Ho sempre dormito con il tumulto nelle viscere ed il battito accelerato, annaspando, sperando, tentando ed abbandonando. Non ricordo più le strade, né le facce, né le vite che ho vissuto vivendo questa vita. Ora so’ solo che ho perso molto tempo e che non ha senso rincorrerlo, che tanto il tempo non si ritrova, che non c’è neanche più il tempo per andarlo a cercare. Ora so’ solo guardare quei vecchi video ed osservarmi com’ero quando avevo tanto tempo: una ragazzina che ride in telecamera fregandosene del tempo che stà perdendo. Forse mi resta solo il tempo per spiegare ai miei figli che non bisogna perdere tempo.

24 commenti:

loretta ha detto...

Il problema della società di oggi è proprio quello di non saper più perdere tempo.
I nostri figli non sanno perdere tempo,fanno cento cose insieme , vogliono tutto, hanno sempre bisogno di qualcosa o qualcuno con cui spendere il loro tempo, senza però gustarsi veramente il tempo che stanno vivendo." sbrigati è tardi stanno per entrare a scuola e io devo andare a lavorare! ... sbrigati ...finisci subito di mangiare che dobbiamo andare a judo...e sbrigati che dopo judo andiamo al cinema... ecc.ecc."

Non sanno annoiarsi, non sanno stare senza che qualcuno gli diriga il gioco...persino le feste di compleanno hanno gli animatori..che palle!

Reimpariamo a perdere tempo, anche noi adulti, tanto peggio di così non può succedere nulla.
un abbraccio.
Loretta

Silvia ha detto...

Si e' verissimo tutto questo ma volevo dire una cosa uguale e diversa al tempo stesso: non perdere tempo pensando di dover riempire un vuoto con affanni e corse e con tutte le cose che odio (animatori compresi)e che tu hai elencato, bensì dare un valore al tempo occupandosi dei propri sogni e progetti.la noia e' un lusso meraviglioso che pagherei per provare ancora.vorrei proprio che loro non perdessero tempo a rincorre il tempo ma vivendolo a pieno per quanto sia possibile.poi ce' la mia storia qui dentro e tutta un' altra valanga di considerazioni.baci baci

loretta ha detto...

Avevo capito il senso del tuo post, che è stato uno spunto per riflettere su come noi adulti non diamo spesso la possibilità ai nostri figli di perdere tempo nel senso che dici tu, Proponendogli tremila cose, ammazziamo i loro sogni.
Loretta

Anonimo ha detto...

no

Paola ha detto...

Cara Silvia,in parte riguarda anche me questa cosa che hai scritto, senza però avere la terribile sensazione che hai raccontato guardando i video di quando eri bambina. La cosa più sensata sarebbe trarre un insegnamento da tutto ciò e buttare l'orologio... ma come?Qualcuno anni fa mi disse di seguire di più i tempi di mia figlia perchè i bimbi sarebbero grandi insegnanti di "perdita di tempo". C'ho provato ma non ce l'ho fatta con grande delusione di me stessa...e continuo a fallire ogni giorno da quasi 6 anni!
Siamo inghiottiti da questa società pur non volendo... un senso di angoscia mi prende solo se ci penso! un bacio

Sabrina ha detto...

Ciao Silvia, non struggerti su cosa avresti potuto fare da giovane...essere giovane è essenzialmente essere inconsapevoli che il tempo non è infinito. SE fai cadere questa illusione, sei già vecchio.
Ciao
Sabrina

p.s. i tuoi figli sono già saggi di natura, talvolta più di te

silvia ha detto...

La summa di anonimo mi ha colpita:no.
No a tutto, no a cosa, no perchè?no al tempo, no a me, no al post, no punto e basta.
Sulla saggezza dei bambini non ho mai avuto dubbi e non ne avrò certo ora.
Si, un pò mi struggo, un pò continuo a camminare accorgendomi che il tempo si muove così rapido a prescindere da me, che non riesco a capacitarmene ogni giorno che passa.
Grazie a chi legge, a chi trova spunti, a chi riflette su un mio dubbio, una mia paura, un mio tormento messo lì, su quel foglio color carta paglia, tanto utile per i lupini e le olive, quanto per i miei pensieri.
Scappo, perchè indovinate un pò?...non ho tempo.

Sabrina ha detto...

Bella la nuova foto. Ma era un momento di tristesse momentanea, vero?

Silvia ha detto...

Tutto e' momentaneo.il problema e' che ritorna sempre.grazie del tifo ragazza

Anonimo ha detto...

Arriva un tempo in cui finisce il tempo
e sempre più si assottiglia e aderisce
alle rughe della terra e dei massi.
La memoria è il velo sottile di muschio
che c’è e non c’è. Lo spazio
non ha confini, è irriconoscibile.

Ogni bagliore è luce dell’eterno,
è riflesso divino.

Cesare Viviani (da "Credere all'invisibile")

Silvia ha detto...

Grazie anonimo non la conoscevo, non conoscevo neanche l'autore, grazie perchè ora invece sì...

Anonimo ha detto...

prego. Viviani è oggi uno dei poeti italiani (e forse non solo) più significativi. Il suo "Credere all'invisibile" (Einaudi) è un libro molto bello: leggendolo accade spesso (almeno a me è accaduto) di sentirsi proiettati in quella dimensione dove non esiste più né spazio né tempo e si riesce a sentire il battito della nostra anima. ciao

Silvia ha detto...

Anonimo mi fidero' di te e comprerò Viviani e se mi accadrà ciò che e' accaduto a te,lo scriverò qui.contaci.

Anonimo ha detto...

scusami, la mia non era un'insistenza per farti acquistare il libro. Non sono Viviani e non voglio convincerti di nulla. mi riferivo solo alla capacità della poesia di portarti a contatto con l'anima e, poiché ho apprezzato quello che hai scritto sul tempo, volevo condividere la bellezza del suo superamento. scusa ancora se ti ho disturbata. ciao

Silvia ha detto...

Anonimo caro non mi sono affatti sentita spinta a comprare.ho invece capito che avevi trovato un filo che legava ciò che avevi letto di me e ciò che ti aveva emozionato di Viviani,ed io ho voglia di seguire quel filo tutto qui.non ti scusare perché non mi hai affatto disturbata.

Anonimo ha detto...

grazie per le tue parole. mi fa piacere questa sintonia. sono capitato sul tuo blog casualmente (mi occupo di poesia e "esploro" la rete), ma credo siano belle le cose che scrivi. a te ora il ruolo di Teseo, dunque. Io Arianna o il Minotauro. a proposito, cara silvia, il mio nome è vincenzo.

Silvia ha detto...

Che bello anonimo non più anonimo.ero sicura fossi un maschio.se ne hai voglia potremmo scambiarci altri consigli.Ciao Vincenzo.sbircia indietro e pesca ciò che più ti piace.

Anonimo ha detto...

ciao Silvia. grazie per la fiducia. certo, mi fa piacere proseguire questo scambio. La parola, del resto, crea, edifica, protegge. Salva. Tu scavi nell'anima. Lo faccio anche io. Ricercherò andando a ritroso. vincenzo

silvia ha detto...

"Tu scavi nell'anima" è una delle più belle cose che mi siano mai state dette.
Buonanotte Vincenzo ex anonimo.

Anonimo ha detto...

:) ma ricercare nelle profondita' della nostra anima e' anche molto doloroso. Prova per temerari, impavidi guerrieri (della luce). Buonanotte Silvia dall'ex anonimo

silvia ha detto...

Caro impavido guerriero della luce ex aninimo anche detto Vincenzo, io ho sempre avuto l'inclinazione a scavare a scavare a ruminare a tirare fuori a guardare in faccia a condividere, ma poi mi sono resa conto che i cocci, i reperti, i detriti più importanti li lasciavo sepolti, fingendo che ciò che portavo alla luce era ciò che contava.
Ora fà male, fà male lasciarlo marcire là sotto, fà male portarlo in superficie guardando negli occhi i miei figli che aspettano con trepidazione e richiesta pressante, che io torni ad essere quella che conoscevano come la loro mamma.
La mia energia azzerata me lo sta impedendo, questo impedimento mi inonda di sensi di copla nauseanti e lo scavo continua maldestro ed infruttuoso.
Buona giornata Vincè.

Anonimo ha detto...

Cara Silvia, mi piacerebbe molto essere un impavido guerriero della luce. Per ora la mia è solo un'aspirazione. credo all'invisibile, e questo mi dà la forza di continuare a sperare di trovare un giorno, nei recessi oscuri della mia anima, la luce che ricerco. Ma il desiderio della ricerca è il primo passo, quello che mi sembra di intravedere nelle tue parole. Mi dispiace che tu stia male: se posso permettermi, però, ti suggerisco di non interrompere la tua ricerca. Forse hai solo bisogno. Credo che la luce si nasconda dove non immaginiamo, anche nell'amore che i nostri figli possono darci. Un loro sguardo è già luce per la nostra anima. Dobbiamo solo prepararci ad accoglierlo. Scusa se mi sono permesso di dire queste cose. Buona giornata. Ti auguro di ritrovare la tua energia. vincenzo

silvia ha detto...

Quando mi sono accorta di non avere più l'energia per godere dei miei bambini, quando mi sono resa conto che avevo paura che mi chiedessero, mi chiamassero, mi scuotessero, anche in quell'orribile momento, non ho mai avuto il dubbio che loro fossero la luce.
Loro sono la luce ma non bisogna confondere la luce degli altri che ti inonda con la tua luce interna.quella si è spenta ed ho bisogno di ritrovarla.
Ce la farò?chi vivrà vedrà.
Bacio energetico Vincè.

Anonimo ha detto...

hai ragione, la luce interna è un'altra cosa. ma personalmente penso che luce generi altra luce. La tua, a quanto si legge, non è spenta. Allora forse, come hai detto, devi solo ritrovarla.
Ce la farai, ne sono convinto. Ti auguro tanta luce. Bacio energetico anche a te Silvia.

Fairytale Wedding Planner's Fan Box